Wednesday, 17 February 2010

Impalati sul ghiaccio


Uno dei miei piú cari amici italiani, sebbene ateo e sbattezzato, ha il curioso hobby di collezionare notizie su Santi e Beati, specie se hanno origine medievale e nomi talmente brutti da dubitare dell'integritá psichica dei genitori di questi poveri cristi, tipo Cagnoaldo, Borgundofara o Prepedigna (metto i link che magari qualcuno non insinui che me li sia inventati di sana pianta).
Fu cosí che venni a sapere che molti di tali Illustri Esempi di Cristianitá si guadagnarono il Paradiso grazie ad abitudini a dir poco singolari. Un esempio mirabile furono i Santi cosiddetti Stiliti, i quali, vuoi per risparmiare sull'affitto, vuoi per farsi notare a tutti costi dagli Infedeli, avevano stabilito il proprio domicilio nientedimeno che in cima a una colonna. Personalmente, ho decretato che questi poveracci hanno tutto il merito di essere elevati a Patroni delle Tecniche Cromatografiche in Chimica Analitica, visto che la maggior parte di queste prevedono appunto l'uso d'una Colonna: oggetto che, in condizioni lavorative normali, fa smadonnare assai.

A quanto mi risulta, i Santi Stiliti poterono praticare il loro particolare ascetismo anche grazie al clima relativamente caldo in cui vivevano. Avrei peró voluto vederli vivere cosí quassú nel Norrland.
Per colmare questo importante Vuoto Storico, i Norrlandesi han perció pensato bene di indire la singolare competizione detta Gara delle Colonne di Ghiaccio (isstolpstävlingen), che Wilhelmina, paesotto col pomposo nome d'una regina, indíce ogni anno in questa stagione. 
Non é dato sapere se, in cuor loro, i partecipanti lo fanno per assicurarsi un posto alla destra di Nostro Signore, quando passeranno a miglior vita. In ogni caso i vantaggi terreni giá si fan vedere: i vincitori si dividono un premio comunitario di 20.000 corone, circa 2000 Euro.
Le condizioni per partecipare e vincere sono illustrate qui, per chi legge lo svedese. Ci sono anche un paio di foto per i curiosi.
Per chi non lo legge, faccio un riassunto.
Intanto, lo scopo é starsene seduti all'aperto su una colonna di ghiaccio alta sui 2-2.5 metri.
La superficie di seduta é massimo 40x50 cm, ci si puó cambiare solo la biancheria intima, é permesso interrompere la seduta per bisogni corporali al massimo dieci minuti ogni due ore: il tempo che si passa in queste interruzioni viene ovviamente scalato dal conteggio.
Non ci si puó portare scaldini di alcun tipo, mentre assistenza medica é disponibile se necessario, cosí come cibo e bevande.
Chi resiste almeno 48 ore cosí, vince. Se ci sono piú vincitori questi si dividono il premio; non mancano, se necessari, controlli sul doping.
Quest'anno, apprendo dai giornali locali, i vincitori sono stati cinque su otto partecipanti. 
Jävla Norrlänningar. Come hanno fatto? Il mio deretano si sarebbe cristallizzato dopo circa un cinque minuti. Il resto del corpo avrebbe fatto la stessa fine nei dieci minuti successivi. Il Vikingo dice di no, ma secondo me qua la gente é geneticamente modificata.

18 comments:

gattosolitario said...

Sono da fuori come dei terrazzini : )

TopGun said...

Lo dico alla Norrlandese:

Azz!!! O_o

nivels said...

In questo caso sicuramente la genetica conta, però anche essendo una siberiana non mi posso immaginare di star seduta li in su, sul ghiaccio (o pure sulla semplice neve) per 48 ore. Assolutamente non è immaginabile. Ma i vikinghi rimangono sempre i vikinghi!

TopGun said...

Nivels devono avere un metodo.
ci deve essere una tecnica segreta a noi sconosciuta...non si spiega altrimenti.

comunque non è solo genetica, è un fatto culturale ma è anche questione di allenamento.

a proposito di resistenza:
a Napoli la domenica d'inverno, domenica tradizionale in famiglia tradizionale, si è capaci di stare a tavola dalle 13:00 alle 19:00.

Sfido qualsiasi Vikingo a sopravvivere ad un vero pranzo in famiglia Napoletana.
stare seduti su una colonna di ghiaccio fermi, sembrerà una passeggiata di salute. :P:P

ophmac said...

Ho un solo pensiero: diarrea!

Maxxfi said...

Morgaine,
ma secondo te (o secondo il Vikingo residente) lo fanno per i soldi o per la gloria?

Anonymous said...

Cavolo!!!! Quando vado in montagna a fare qualche discesa con lo snowboard e sto più di cinque minuti seduto sulla neve provo fastidio al culo non oso immaginare se stessi seduto così tanto tempo sul ghiaccio..... Mauro da UD

Morgaine le Fée said...

Sto cominciando a pensare che forse in realtá si fanno qualche vodka o akvavit (non so se sia contato come doping da parte della commissione, mi devo informare).
@ophmac: dici? non é che si cristallizza quindi in pratica hanno il problema opposto? :D (si potrebbe chiedere, in effetti)
@maxxfi: il Vikingo dice che é per la Gloria di essere Veri Norrlandesi Duri e Tosti (lo sospettavo anch'io)

TopGun said...

ma non è che fanno come Giucas Casella quando camminava sui carboni?
lui si spalmava qualcosa sui piedi (e comunque i carboni dissipano male il calore quindi il trucco è che brucia meno di quello che sembra).

magari i campioni della colonna, si coibentano il sedere.
chi sa.

Morgaine le Fée said...

TopGun: sicuramente sono coibentati bene. Ho visto anche delle pelli di renna stese sull'apice della colonna: di solito sono molto efficienti. Uno degli altri problemi é anche restar svegli 48 ore di fila: l'ultimo che é stato squalificato é perché si era addormentato ed é capitombolato giú.

TopGun said...

il problema caduta per addormentamento si risolve.

sedia Bonnie di Ikea.
si toglie la parte sotto, si piazza il sedile sul ghiaccio et voilà.
con tanto di poggia gomiti...

ophmac said...

Nel senso che se lo facessi io, che sono un po' una fighetta mezzosangue in confronto alla "Master Race" nordica, il risultato sarebbe quello. (il sarcasmo e' voluto, non sono serio...;-P)

Morgaine le Fée said...

@topGun: in effetti, guardando il regolamento, non c'é scritto che sarebbe vietato!
@ophmac: ;) (lo so che non sei serio!:D)

cgbencini said...

certo che VOI svedesi siete proprio strani :-)
In effetti forse il sedere riesci ad isolarlo bene (dovrei studiare il regolamento per vedere esattamente cosa è permesso e cosa no) però stare sveglio 2 giorni di fila al freddo ... e la notte è lunga e non ti passa mai.... non so se sono dei folli o degli eroi.

Eilan82 said...

Ma come caspiterazza fanno?! O__O''
Oddio, mi si è ghiacciato il popò al solo pensiero! hahahahhaha! :P:P:P

TopGun said...

ho letto che l'associazione no profit "amici del deretano" sta raccogliendo firme per fermare questo orrore.

confermate?

Morgaine le Fée said...

:D :D
Comunque posso informarvi che anche il mio Vikingo ha riferito di sentirsi gelare al solo pensiero di star seduto lá!

Mammagiramondo. said...

Ahahah Morgaine, il post è interessantissimo, tra l'altro lo sai che adoro i "costumi" locali ma tu poi hai un modo di raccontarlo fantastico!!
Bacione

 
63°49'LatitudineNord © 2008. Template by BloggerBuster.