Monday, 8 November 2010

Vizi e Virtú

Mentre nell'Italica tettaTerra dei Limoni (ci crediate o no, volevo scrivere Terra, ed é venuto tetta. Colpa di alcuni Eventi, della struttura della tastiera, o delle abitudini del Mezzovikingo? Ad ogni modo, ho lasciato il lapsus, perché suggestivo). 
Volevo dire, mentre nella Terra dei Limoni vengono esposti al Popolo i comportamenti da Lettóne e Party del Primo Ministro, nella Terra dell'IKEA esce un libro eloquente sui comportamenti da Party del suo Sovrano (per chi mastica lo svedese c'é una presentazione qua). Sembra che entrambi questi signori, agevolati da conoscenze, popolaritá, portafoglio, e supposto buon cuore verso l'universo XX, abbiano messo a frutto il loro Amore per allegri festeggiamenti e frequentazioni femminili (d'adeguato livello estetico, s'intende), e alla faccia delle Consorti Ufficiali, dalle quali ci si aspetta che stiano ferme e composte, e salvino la Faccia del Paese.
I due popoli si dividono tra l'imbarazzato Scandalo, e la difesa della Vita privata di un personaggio Pubblico; molti sostenitori, prevedibilmente maschi, osservano compiaciuti i loro Idoli dimostrare d'esser stati virili nonostante i molti e gravosi impegni nazionali.
Sebbene i giornali di vario genere, in evidente mancanza di cose piú Urgenti di cui interessarsi, occupino gran parte della loro superficie con queste importantissime Novitá, devo dire che, almeno quassú, la notizia sul Sovrano svedese non mostra nulla di nuovo sotto il sole. Giá un paio d'anni orsono il Vikingo mi raccontava indiscrezioni sul tempo libero del proprio Re: dal momento che il mio consorte non ha diretto accesso a certe frequentazioni, immagino che questo tipo di gossip serpeggi da tempo negli annoiati discorsi da sabato sera, come valida alternativa ai commenti sul tempo atmosferico.
Per quel che mi riguarda, mi é piaciuto confrontare le reazioni dei due diretti Interessati. L'Italico punta all'approvazione dei prelati in Vaticano, sensibili a certi argomenti, e annuncia che il tutto si deve alla sua innata bontá, tanto piú che, insomma, é sempre meglio donare i propri favori alle donne (graziose), che essere omosessuale (ma ha provato, per poter fare paragoni?). E, siccome é cosí buono, é proprio in tal modo che le Mafie Unite tentavano d'incastrarlo. Mi ha sorpreso altamente l'attribuzione alla Mafia e non ai Comunisti, a dirla tutta, ma vabbé, vuol dire che i tempi stanno cambiando.
Il Sovrano svedese, che non ha Autoritá Ecclesiastiche da compiacere, ma si ritrova invece una Moglie dal caratterino deciso, ha invece un'aria molto piú imbarazzata. La butta sul letterario dicendo che gli stan chiedendo di recensire un libro che non ha letto, e quindi, che puó commentare? poi fa sapere "che son tutte storie vecchie", e si defila nientemeno che in Cina dalla porta di servizio, sperando che al ritorno l'Aftonbladet  (autorevole testata nazionale) dedichi le sue gigantografie alla nuova acconciatura del primo Ministro Fredrik Reinfeldt. Insomma, una gran delusione mediatica. Non c'é neppure la soddisfazione di intervistare tutte le Donne del Presidente, perché la maggior parte di loro tiene famiglia adesso, e ci sono i bambini da lasciare in pace, sennó si traumatizzano.  
Che popolo noiosissimo, qual mancanza di effetti speciali.

Su tutta la vicenda, un fatto lascia in me un'ombra di fastidio, per me che son Madre e Figlia contemporaneamente. Questo Re ha fatto, in gioventú e forse anche piú avanti, quel che piú l'ha sollazzato: perché, di grazia, rompe invece gli zebedei alla propria Augusta Prole? Il marito della figlia maggiore ci ha messo tanti di quegli anni per farsi accettare, nonostante sia un bravo ragazzo (vabbé é scipito, ma in fondo in fondo é pure il ruolo che gli si richiede); al figlio minore vengono messi i bastoni tra le ruote con la nuova morosa perché questa ha partecipato ad una dubbia soap opera e ha fatto spogliarelli.
Insomma tu padre fai quel che vuoi, e i tuoi figli no? Abuso d'Autoritá o Ripensamenti della Vecchiaia? Va' dunque in Cina, va'.

Sono consapevole dell'infimo livello culturale di questo post, e della mancanza assoluta di leggiadra ispirazione nordica, ma qua é Novembre, stamane c'era una decina di gradi sotto zero, e il Sole in data odierna scomparirá  all'orizzonte verso le 15.

10 comments:

Federico said...

Credo che ci fosse una sorta di patto tacito tra re e stampa che ha nascosto per bene certe cose per tanti anni (anche se tutti sapevano benissimo cosa combinava il buon Kalle...). Evidentemente qualcosa sta cambiando.

A me ha fatto sorridere quando ha detto: "ne ho già parlato con la famiglia e con la regina". Come a voler distinguere le cose...

giorgio said...

Il Sole dell'intelligenza e della libertà di pensiero in Italia sorge raramente e non sta su tanto.
Almeno ufficialmente.
Come le foglie che stanno cadendo a pacchi e lasciano gli alberi nudi.
Siamo in picchiata e speriamo solo di toccare il fondo presto.
Speriamo che l'Italia smetta di essere tetta da mungere per nani, ballerine e impresentabili primi ministri.

Se siamo alla frutta, dopo ci sarò solo il caffè e l'amaro, poi pagheremo il conto e si vedrà.

Giorgio

Morgaine le Fée said...

@Federico: é molto probabile che sia cosí. Nonostante tutto, ho l'impressione che la monarchia risvegli ancora sentimenti di venerazione e deferenza.
@Giorgio: ho un amico che una teoria: il fondo che l'Italia ha toccato sará lo spunto per un nuovo rinascimento intellettuale. Io me lo auguro di cuore, soprattutto per chi sta lí. Sfortunatamente, si fa ftica a vederne i segni, e per molti le conseguenze pratiche del degrado attuale sono molto dure. Ai miei occhi, le storie recenti di Ruby e SB ne sono un simbolo, e neanche tanto per lo scandalo sessuale in sé (anche se qui ci sarebbero da dire diverse cose), ma per tutte le irregolaritá e gli abusi del potere che la faccenda ha fatto venir fuori. Altrettanto 'buon cuore' per le difficoltá comuni della gente con lavoro, famiglia, istruzione, io non ne vedo.

griana said...

@ Morgaine
E' quello che dico anche anche io: alla fine lo scandalo non è tanto per questa Ruby (visto che ce ne sono state altre prima di lei e non era un gran novità) ma per l'abuso di potere e la presa in giro alle istituzioni da parte della carica più potente dello Stato. Viste le italiche abitudini solamente di quello avevamo bisogno.. ora molti di più si sentiranno autorizzati a dichiare il falso, tanto lo fa anche il Presidente del Consiglio :(

lauretta said...

Morgana mia,
leggendo questo post, mi verrebbe da pensare che gli uomini sono tutti uguali mannaggia....pero' pero'.....non è proprio cosi': in fondo tu hai trovato un bravissimo uomo lassù, e anche io, e me lo sono portato quaggiù :). In ogni caso non mi sorprende che lassù abbiano coperto per tanti anni questo tipo di scandali, del resto lo fanno per tante cose....anche quaggù dove sono io tendono a fare lo stesso. In Italia viene tutto allo scoperto prima o poi, per questo lo psiconano è cosi' incazzato con le intercettazioni. Il risultato è che l'Italia è su tutte le copertine con le sue escort e showgirls...
ma ti assicuro che c'è tanta gente che non ne puo' più, almeno in questa città, quindi non ci buttiamo giù, ce la faremo a superare anche questa, nonostante ci siano molti politicanti che pensano esclusivamente ai fatti loro. Ti avevo mandato il link della trasmissione, perché ha avuto un successo straordinario, e io penso che sia un segno bellissimo, un record storico, la prova che ci sono tanti italiani nell'ombra e nel silenzio che non chiedono altro che partecipare e fare il bene per il loro paese. Saremo anche in una situazione di crisi profonda in tutti i campi, ma abbiamo ancora persone come Fazio e Saviano, che, mi dispiace per gli altri :), ma sono italiani. Un abbraccione, e teniamo duro, anche da fuori :).

Antonio said...

Io dico solo una cosa, il primo ministro italiano può andare con chi vuole e fare tutte le feste che vuole a casa sua, basta che non vada con minorenni (cosa le leggendo un po' i giornali sembra che abbia l'abitudine di fare, ok, saranno tutti giornali comunisti...) e non abusi del suo potere per:
1) promettere un ruolo nello spettacolo a chi è "carina" con lui
2) telefonare a qualcuno e "forzare" i regolamenti
3) non offenda le persone solo perchè hanno gusti sessuali diversi dai suoi

Poi nella sua vita privata, se vuol cambiare una donna al giorno, sono fattacci suoi (basta che non le paghi, visto che in Italia è vietata la prostituzione), come credo che il Re svedese è giusto che debba fare i conti con sua moglie più che sull'opinione pubblica..

Un ultima cosa, un po' buttata li, il Re è pur sempre il Re, i cittadini svedesi sono pur sempre sudditi, in Italia non credo che ci sia un Re, o comunque qualcuno che è al potere solo perchè nato con il sangue blu... O almeno così era fino a settembre quando sono partito per la Svezia, forse però mi son perso qualcosa :)

franco said...

Degno di nota è anche il Buga Bunga alla svedese.

Il protagonista è Carlo Gustavo Folke Hubertus, 64 anni, re di Svezia e duca dello Jamtland, salito al trono il 15 settembre 1973. Che male c`è (siamo in Svezia…): se ci sono in giro foto e filmati che descrivono le notti di un re birichino, tra silfidi della lap-dance ed escort professionali, modelle e aspiranti attrici, con bagni di gruppo in mini-piscine, un bel giorno arrivano gli agenti del servizio segreto e portan via tutto.

Carlo Gustavo è un sovrano popolare e amato, come la regina Silvia e i loro 3 figli (una, la principessa Vittoria, è diventata nota anche per la sua lunga battaglia vincente contro l'anoressia).

Il motto personale del re è «per la Svezia, nel tempo», significando il desiderio di non vivere nella naftalina.

E secondo il libro in uscita, quel motto sarebbe stato messo in pratica anche troppo bene.

Natti, Natti till er alla som Bloggar vidare!

Morgaine le Fée said...

@griana e Antonio: anche secondo me il nucleo del problema non é tanto la vita privata di quella persona, quanto l'abuso di potere che ne é derivato, e mi riferisco al signor SB. Un politico, dovendo rappresentare lo Stato, ha il dovere di rispettare le leggi ancora meglio del privato cittadino, mentre sembra che avvenga proprio il processo opposto. In quanto al discorso vita privata per me uno, nel rispetto della legge, puó fare come crede, certo che mi da' un po' fastidio quel predicare bene e razzolare male che spesso i potenti mettono in atto.
@lauretta: non, io non credo che gli uomini siano tutti uguali, penso che ce ne siano proprio di tutti i tipi, invece. ma immagino che molti uomini (e anche donne) in posizione di potere sociale ed economico ad un certo punto credono che pagando possano soddisfare tutti i loro desideri, compreso quello sessuale. (grazie per il link. Ho grande ammirazione per Saviano, anche se per alcuni é noioso e supponente. Benigni invece mi sta deludendo).
@Franco: a me le faccende di Gustavo non han fatto piú di tanto specie, anche perché, da quel che mi risulta, non ha commesso abusi di potere e scavalcato la legge. Certo che al posto di sua moglie mi sarei incazzata parecchio, e da questo punto di vista preferisco essere una cittadina comune che puó lasciare il suo compagno se cornifica, anziché una regina a cui é richiesto di tenere su una scena per lo Stato.
Inoltre, ho preferito la reazione imbarazzata del sovrano di Svezia anziché quella sbruffona, sessista e omofoba del signor SB.
Comunque, non sono le questioni di letto i problemi del Paese.

franco said...

@Morgana:
Riguardo il “bunga bunga all`italiana” Maroni ha fatto la comunicazione in senato sul caso ruby, è stato tutto regolare, non ci sono reati, però l'opposizione i reati li ha creati ugualmente nella replica è stato il massimo della disonestà.

/Alessandro said...

Alla fine andrebbe anche osservato che il re e' solo un personaggio pubblico, mentre il capo di un governo...

Buon notte!

/Alessandro

 
63°49'LatitudineNord © 2008. Template by BloggerBuster.