Sunday, 29 November 2009

M'illumino d'Avvento (versione dei privati)

Ed ecco finalmente arrivata la prima Domenica d'Avvento.
Il finalmente non ha nulla a che vedere con l'attitudine religiosa di Casa Mezzovikinga (io sono un'atea agnostica, il Vikingo un ateo gnostico, il Mezzovikingo crede solo alla Tetta, ammesso che a qualcuno interessi la nostra filosofia casalinga). L'avverbio é relativo alla sospirata, enorme quantitá di luminarie che invadono la visuale dell'Ultima Thule, e di molti altri posti in Svezia. Quando il Sole (sempre che si degni di mostrarsi) sorge verso le 8:45 del mattino per rituffarsi nelle tenebre appena dopo pranzo, alle 14 circa, é allora che ci si accorge di come ci stia pericolosamente avvicinando al Buco Nero del Solstizio d'Inverno. A questo punto gli svedesi fanno come Frodo e Sam a Mordor, e tirano fuori la loro versione della Fiala di Galadriel per allontanare la Tenebra come nel Signore degli Anelli. Non avendo a disposizione acqua impregnata di Luce della Stella di Eärendil, gli autoctoni si arrangiano in qualche modo con le risorse idriche ed eoliche locali per produrre elettricitá ed alimentare una serie d'oggetti natalizi d'ordinanza.
Il primo é senza dubbio l'irrinunciabile Julstake, da mettere obbligatoriamente ad ogni finestra. Qui se ne mostra la versione piú tradizionale (bianca o rossa), ma ne esistono di diverse dimensioni, angoli al vertice, decorazioni alle candeline, stili, forme (e prezzi, naturalmente).



La tradizione vuole che vengano accesi nella prima domenica d'Avvento, ma quest'anno, visto il clima da Prozac, (vedi anche qua), c'é un bel po' di gente che ha imbrogliato (si dia un'occhiata all'ultima foto del post precedente).

Un'altra, gettonatissima fonte di luce natalizia é la Stella dell'Avvento (Adventstjärna), anche questa da appendere alle finestre. Inutile dire che pure qui la fantasia si scatena.



Per chi invece vuole assicurarsi un'atmosfera ovattata e intima, non puó mancare il piú tradizionale di tutti, ovvero il candelabro dell'Avvento, sul quale trovano posto quattro candele. L'oggetto, che in molti casi é il subdolo responsabile di misteriose autocombustioni casalinghe, funziona cosí: ad ogni domenica, si accende una candela della quattro. La prima domenica inizia la prima, la seconda domenica se ne accendono due, e cosí via. Alla fine del giochetto si ha una piacevole composizione di quattro candele consumate a scaletta.



Una versione piú pratica implica l'uso di un candelone graduato, il quale va acceso un pochetto ogni giorno: le tacche devono essere fatte rigorosamente coincidere col giorno indicato. Il candelone é una tradizione che abbiamo al lavoro (a questo punto avverto che i commenti non pertinenti verranno censurati), ragion per cui non ho ancora un'illustrazione a portata di mano.

La prima domenica d'Avvento coincide con l'inaugurazione (ma vedi un po'!) della stagione dello shopping natalizio. L'Ultima Thule chiama quest'evento Skyltsöndag (domenica delle vetrine): i negozi restano aperti piú a lungo e il nome deriva dal fatto che le vetrine inaugurano i loro addobbi delle Feste. La definizione é ormai tecnicamente errata da un pezzo perché, allineandosi al resto del Mondo Occidentale, le ninnolerie natalizie sono giá fuori almeno da un paio di settimane, se non di piú. Con l'occasione si inaugurano pure diverse soluzioni illuminate della cosa pubblica (non posso scrivere res publica perché siamo in fin dei conti  in una Monarchia), ma a questo punto mi sa che si puó farne un post a parte.


8 comments:

Giusi said...

A Stoccolma alcune vetrine avevano temi natalizi già a ottobre... pazzesco!

Anonymous said...

Ciao! Anche qua nel nord est italiano le luci natalizie hanno già fatto capolino, a casa di un mio amico l'albero è stato fatto addirittura la scorsa settimana!!!!! A casa mia invece siamo legati alla tradizione per cui lo faremo l'8 dicembre. Nel frattempo si sono fatti vedere i primi krampus (http://www.krampus.it/I_krampus/Home.html). Volevo commentare anche le foto del precedente post. Mooooooooooooolto belle! Fan venire voglia di Svezia anche a me! Nel frattempo.... ieri mi sono fatto un giro all'IKEA che han da poco aperto qua in Friuli. Vabbe dai, ora torno a produrre qualcosa.
Ciao! Mauro da Udine

Giulia said...

ma ascolta un po'.. la foto con le 4 candele rosse, dove si vede un panorama di un lago (?) fuori dalla finestra.. is your house?
ma che meraviglia..
aspetto anche un post sulle tradizioni per il giorno di Natale Svedese.. sono curiosissssssima..
Giuliaefrancisca

Morgaine le Fée said...

@giusi: peggio di Stoccolma l'ho visto solo in Spagna all'inizio di ottobre: col sole a 30 gradi, appendevano i festoni coi fiocchi di neve...
@Mauro: benvenuto da queste parti! anch'io sono dal nordest, ma non abbastanza est per sapere dell'interessante link che hai messo: con un click mi hai fatto tornare indietro ai miei tempi bavaresi, dove verso Natale s'incontrano personaggi simili (S. Nicoló assieme a un altro personaggio nero e spaventevole, che premiano o puniscono i bambini rispettivamente buoni e cattivi).
@Giulia: no, noi abitiamo in centro. Il paesaggio dietro é dalla stuga dei suoceri, sulla costa. Siccome io lo reputo suggestivo, ammorberó i visitatori del presente blog con diverse immagini del luogo durante tutto l'anno :D

Anonymous said...

Non mi sorprende che ci siano cose simili anche in baviera. Pensa che i krampus che ho visto sabato sera provenivano dalla slovenia, austria e italia (friuli). So che ce ne sono anche in trentino. A vederli sono molto macabri però sono fatti molto bene, la cosa divertente è che spesso dietro le maschere dei krampus si mascondono ragazzi che inseguono e frustano i giovani avventori che partecipano a queste manifestazioni e di proposito vanno a stuzzicarli. E' bene non avvicinarsi a loro anche perchè alcuni hanno la mani sporche e di proposito ti colorano la faccia di nero, come è accaduto al mio amico...... devo dire chè è stata una sorpresa anche per noi. Unica pecca è che i bambini piccoli, giustamente, si spaventano molto. Per cui se mai dovessi tornare da queste parti e decidere di partecipare a una di queste manifestazioni mi raccomado, fai attenzione al tuo bambi, potrebbe rimanere impressionato. Buona giornata! Mauro :O)

Serendipity said...

ciao...sono felicissima di essere capitata sul tuo blog! ora vado a sbirciarmelo tutto! A presto!
Sara

Morgaine le Fée said...

@mauro: deve essere divertentissimo! ho cercato il nome del "cattivo" in bavarese, ma non l'ho trovato.
@Serendipity: benvenuta in queste lande e grazie!

Carlo said...

Questo fine settimana tocca a noi: ho 3 figli (9, 7 e 4 anni) che è da un po' che vogliono fare l'albero: per tradizione il 6 Dicembre per San Nicola mi sembra il momento giusto. Albero e Presepe. E magari qualche luce alle finestre. in effetti in questo periodo qualcosa di allegro ci vuole! tra l'altro mi sembra che quest'anno a Firenze abbiano messo qualche luce in più del solito, il che non guuasta.

 
63°49'LatitudineNord © 2008. Template by BloggerBuster.