Wednesday, 14 October 2009

Storie di dipendenze pericolose (per stomaci forti)


Lo sprovveduto viaggiatore che si avventura nelle nordiche lande, specialmente in quelle che circondano l'Ultima Thule ma pure piú a Nord, potrebbe cominciare a credere che i dentisti locali siano parecchio impreparati, o che gli autoctoni non si curino molto delle proprie mascelle.
È frequente, infatti, imbattersi in individui adulti di entrambi i sessi che presentano un evidente pomfo al labbro superiore, oppure, mentre parlano, che rivelino sospette escrescenze marroni che crescono sulla gengiva.
Puó succedere inoltre che il vostro interlocutore, durante una pausa fika ad esempio, cominci elegantemente a ficcarsi un dito in bocca dopo averlo tenuto in tasca (mentre voi vi chiedete se gli stuzzicadenti, eccetera), oppure estragga una scatoletta piatta contenente della terra da fiori dall'odore pestilenziale, invitandovi a favorirne con sguardo sorridente (e qui l'ignaro forestiero crede si tratti di invito simbolico alla coltivazione di un kolonilott).

In tutti questi casi, avrete a che fare con un drogato di snus.

Da mia deformazione professionale, posso informare che lo (la? il concetto di articolo determinativo maschile o femminile in svedese non esiste) snus é polvere di tabacco bagnata e contenente eccipienti tipo cloruro di sodio, bicarbonato e glicole propilenico.
Lo snus, a mio parere, ha un odore tremendo e rivoltante. In quanto al gusto, diciamo che la mia presunta indole scientifica qui vacilla e la curiositá mi difetta assai. Sembra comunque che esistano versioni variamente aromatizzate: eucalipto, mentolo (dan l'illusione che sia piú sano?), e, non ultimo, liquirizia, la quale pure rientra nel top five delle droghe legalizzate nelle Lande Nordiche.
Dopo aver considerato l'interazione con Vista, Olfatto e Gusto, non puó mancare la descrizione della consistenza al Tatto. Lo snus esiste sfuso: e qui lo snusatore incallito proverá il piacere di farne una morbida pallina da ficcare sotto il labbro superiore; altrimenti si puó comprare giá comodamente porzionato in piccole bustine (vedi foto), da utilizzarsi allo stesso modo.
Va ricordato che lo snusatore di porzioni, quando a malincuore si separa da quella amorevolmente cullata nelle fauci, fa come i fumatori con le cicche, e la butta per terra. Quando d'inverno scarpe e pantaloni s'affondano nella neve dopo un giro in cittá, non é raro scoprire, al rientro in casa, che alcune bustine usate da chissachi si sono subdolamente appiccicate alle proprie calzature.

Pallina dopo pallina, bustina dopo bustina, lasciate per pochi minuti o qualche ora a macerare in bocca, ecco che lo snus scaverá una caratteristica nicchia sulla gengiva, e modificherá irrimediabilmente gli equilibri sinaptici. Avete avuto a che fare con un fumatore pesante che vuole smettere? Bene, sappiate che la dipendenza da snus é di qualche ordine di grandezza superiore a quella da sigarette, e liberarsene richiede sforzi di volontá non comuni, richiedendo lo stravolgimento dell'intero ecosistema neuronale dello snusatore pentito (il Vikingo ne sa qualcosa)
La cosa non stupisce affatto se si tien conto che tenere una bustina di snus per 50 minuti corrisponde a circa 4 sigarette (da Wikipedia, mia principale fonte di notizie di Scienza).

A onor del vero, esistono dei vantaggi non indifferenti dello snus rispetto al tabacco da fumare: primo fra tutti il fatto che reca eventuale danno solo all'utilizzatore diretto e non a coloro che con esso condividono alcuni metri cubi di atmosfera, il che non é poco.
Pare inoltre che sia, dopotutto, piú sano: tutta la serie di simpatici prodotti di combustione che incatramano i polmoni dei fumatori qui viene a mancare, con vantaggi evidenti. Ogni tanto l'Expressen o l'Aftonbladet (principali organi svedesi di diffusione della Scienza al Popolo) riportano studi circostanziati di medici che si scannano a vicenda nel dimostrare i seguenti punti:

1- lo snus é perfettamente innocuo e previene pure il global warming;
oppure
2- lo snus é un'arma chimica di distruzione di massa.

L'Unione Europea mostró tempo addietro di credere all'ipotesi n. 2, e vietó la vendita dello snus nel proprio territorio.

A questo punto il lettore potrebbe chiedersi a che pro tutta questa pappardella sullo snus, se tanto nel resto d'Europa non si trova.
Bene, questa é per voi che meditate un giorno di trasferirvi qua nei dintorni: lo snus ha giocato un ruolo determinante nel far entrare la Svezia nell'Unione Europea. Gli svedesi (noti euroscettici) pretesero, tra altre cose, di conservare il diritto a vendere lo snus nel proprio stato, altrimenti hejdå, Europeiska Unionen!
Bruxelles accettó.

9 comments:

Sybille said...

Ne avevano parlato l'anno scorso su un quotidiano locale - sembra che lo usino molto i "nostri" giocatori di hockey!

gattosolitario said...

Che schifezza lo snus :D

Fru Fersen said...

Qui parliamo di vere differenze (attriti nel nostro caso)culturali... altro che lingua, cibo, clima e sciocchezzuole varie :-S

Morgaine le Fée said...

Beh, che neanche a me piacesse s'era capito. Peró preferisco un Vikingo che snusa rispetto a uno fumatore, almeno il Mezzovikingo non si respira fumo passivo e la casa non s'impesta di catrame (scegliere tra i due mali...)

Fru Fersen said...

Ah ma anche il Vikingo snusa? Non l'avevo capito, mi consolo :-)
comunque, siccome sono in vena di confidenze: e' una delle cose che mi ha fatto perdere la testa (saro' stata oca!) cosi' folk e da ''uomo rude'' X-D (avevo 16 anni eh!!!) adesso e' quasi causa di divorzio... come diceva qualcuno di nostra conoscenza:
''...cio' che ti unisce, ti dividera'...'' :-S
Buona serata!
FF

Morgaine le Fée said...

Ciao Fru!
Eh, sí, il signor Vikingo snusa, da buon norrlandese. Ha anche cercato di smettere su mia insistenza (saró la solita sambo rompipelotas, ma l'alito ne risente e non é sexy...) ha resistito qualche mese e poi c'é ricascato (l'ho scoperto perché ho trovato una bustina nel water :-O). La cosa divertente é che quando si va dai suoi nasconde ogni traccia della droga perché loro disapprovano la cosa... e sí che ha 35 anni suonati!
io mi sbellico ogni volta :D

Ps: sarebbe stato bellissimo ci fossi stata anche tu domenica prossima a Stoccolma.

Fru Fersen said...

:-D ''la droga''! Mi sa che inizio a chiamarla cosi' anch'io da oggi sfruttando la potenza dei nomi.
Gli snus a vista nel water X-D mi e' tutto cosi' famigliare! Ho anche una raccolta di fotografie neo-iperrealiste a soggetto snus-dentro-la-tazza :-D.
Mia suocera invece quando viene a trovarci ne importa incentivando la dipendenza del figlio -qui in ES non esistono e se ne possono importare fino a 6 scatole per uso personale- cosi' ci ritroviamo il frigorifero pieno di 'ste scatolette che ogni tanto il piccolo Thor scambia per cioccolato o tonno (e giu' di minacce di avvertimento dei servizi sociali :-D!). Questa sera faro' leggere ad A.H. il tuo post e questo scambio di commenti cosi' si umilia un po' X-D... e magari si decide a smettere!

Morgaine le Fée said...

Grande fru! Hai avuto la prontezza di spirito di far le foto! Io no purtroppo, sarebbe stato appropriato, come pure documentare la cosiddetta snusgruva del Vikingo: una raccolta di snus usate che lui depositava sotto il letto. Non sono una fanatica delle pulizie, ma la snusgruva era troppo (adesso col Mezzovikingo che va in giro non la fa piú).
credo che io e te potremmo scrivere un libro sull'argomento. Sará interessante vedere che ne dice il Conte ;-) (sa l'italiano, allora? wow!)

Anonymous said...

Ciao, dai un'occhiata a questo sito tedesco:

http://www.poeschl-tobacco.com/start.php?url=

come vedi sulla pagina iniziale, c'è un tipo che sniffa tbacco; entra nel sito per dettagli...

si tratta della stessa roba??

 
63°49'LatitudineNord © 2008. Template by BloggerBuster.