Sunday, 25 March 2012

Il Viaggio di una Bomba

L'arrivo del Mezzitalico mi ha precipitato, prevedibilmente, in una lunga apnea abulica fatta di notti sfocate, di rituali eccitanti tipo urliamo-mangiamo-ruttiamo-cachiamo-cambiamo-urliamo-dormiamo(?!)-vomitiamo-puliamo-mangiamo-ruttiamo ecc. I risultati sono, non nell'ordine: il mio cervello attraversa transizioni di fase tra l'Assente e il Gelatinoso, e non solo per la scarsa produzione di estrogeni; il Mezzitalico ha raggiunto lo status di Ciccione, che é un'affettuosa e allo stesso tempo dettagliata descrizione scientifica del suo fenotipo (a dirla tutta, lui ci ha pure provato a mettersi a dieta tramite un virus amorevolmente donatogli dal fratello maggiore, ma la conseguenza é stata, oltre a farsi bucherellare in Neonatologia, quella di venir soprannominato Tjockis -ciccione- pure dalla primaria del reparto medesimo).
In aggiunta, questo blog ha raggiunto il record di non-aggiornamento
Avrei potuto parlare degli epiloghi del Nome secondo lo Skatteverket (sappiate che infine ci ha graziosamente messo un mese e mezzo a registrare quello del Mezzitalico, e solo dopo una serie di sollecitazioni telefoniche da parte mia), oppure della Coppia Erede-al-Trono che ci ha ostentatamente copiato e ha prodotto una futura regina dal nome controverso (pare che anche questa neonata abbia delle divergenze con lo Skatteverket per via del cognome): ma, a dirla con crudezza, qua é giá tanto pranzare con decenza, e il tutto é caduto nell'oblio.

Il suddetto spazio virtuale non ha come scopo quello d'essere un tipico blog mammesco, e quindi non staró ad importunare troppo con la descrizione delle prodezze del piccolame. 
Un riassuntino di come si trascorre una gravidanza e i suoi Prodotti in terra di Svezia peró é quasi doveroso, anche se avverto che i Piccoli Vichinghi e Onewaytosweden lo han giá fatto a loro tempo, e sicuramente molto meglio di me visto il background medico.

Quando una resta incinta in Svezia, si trova ufficialmente nella condizione detta på smällen. Smällen vuol dire esplosione, e smäll puó essere un colpo violento. La parola descrive efficacemente i sentimenti della gravida arrivata a quasi destinazione, una bomba di ormoni e tessuti biologici pronta a deflagrare in qualunque momento. Consapevoli di ció, i servizi sociosanitari svedesi si prendono cura della donna e del suo Contenuto piú frequentemente tanto piú la data del parto si avvicina.
All'inizio, infatti, c'é il Primo Trimestre, quello piú delicato. La Gravida Italica che si avventura su siti italici, viene a sapere che in questo stadio c'é un pullulare di ecografie della Camera, misurazioni delle Beta, febbrili e frequenti consulti con un Ginecologo, analisi di qualunque tipo su diecimila parametri e gammaglobuline. Nel Belpaese.
La Gravida italica in Svezia telefona perció al consultorio svedese di competenza, ma si sente rispondere che il primo appuntamento le verrá dato alla fine del trimestre. Durante questo periodo, nulla le verrá dato di sapere su quello che succede nell'utero.

È solo verso l'undicesima settimana che la gestante incontra qualcuno: la Barnmorska (che non é una baba yaga ma un'Ostetrica), e non va confusa (io lo faccio regolarmente) con la Barnsköterska, la quale é un'infermiera che si occupa del Prodotto giá sgusciato. A meno che non abbiate problemi, non incontrerete mai un medico per tutta la gravidanza, eccetto qualche studente di medicina che viene a far pratica dalla vostra barnmorska di fiducia, sbagliando regolarmente le misure della panza. I soldi risparmiati in questo modo dallo Stato, fan sí che TUTTE le cure che ruotano intorno a gravidanza e parto siano gratis. Si, proprio tutte, inclusa l'amniocentesi se vi interessa farla.
Durante il primo incontro l'ostetrica vi fa pesare, vi prende una serie di campioni biologici e vi consegna un foglio da compilare, nel quale dovete raccontare un bel po' di cose di voi, inclusa una descrizione dettagliatissima, ai limiti del maniacale, di quanto alcol usate ingurgitare nell'unitá di tempo. Ci sono inoltre domande sulle abitudini nicotiniche e su eventuali disturbi mentali. Riguardo a quest'ultimi, immagino che molte omettano dettagli, dal momento che i Servizi Sociali del Regno non brillano per efficacia, e forse sará meglio non raccontare troppo.
Dopodiché vi portate a casa una paccata di opuscoli dove vi si raccomanda di non sbronzarvi, di provvedere per tempo al seggiolino in macchina, notizie sulla gestazione, su cosa non potete mangiare (la lista di quel che é concesso é di gran lunga piú corta), sul parto, e su come nutrire l'Animaletto una volta uscito dal Guscio.
Siccome qui le analisi della toxoplasmosi e di quell'altro virus non le fanno, praticamente vi si vieta di  ingerire qualunque carne cotta sotto i 70 gradi (la bistecca deve diventare una suola, in pratica). Lo stoicismo di una puerpera che visita Firenze e vede certe bisteccone, é encomiabile. Non parliamo del Mezzovikingo che desidera in continuazione prosciutto crudo.
Poi voialtre venite in Svezia e credete a quella faccenda della Natura selvaggia et incontaminata. Macché. Nel Norrland ci sono un sacco di miniere di metalli pesanti, che inquinano l'acqua. Il Mar Baltico, a sua volta, é stato generosamente arricchito di diossina dalle ex repubbliche sovietiche. Il risultato é che, se volete mangiare pesce da incinte, dovete andare in giro con la lista di quei pochi che vi sono permessi, oltre che a rompere gli zebedei al personale dei ristoranti con argomenti tipo: 'ma questo salmone é d'allevamento o lo avete pescato qui in zona?'.

Passa il tempo. Finalmente, al Secondo Trimestre, viene pronunciata la parola magica: ecografia. Verso le 18-19 settimane, cioé quasi al limite permesso qui per un eventuale aborto terapeutico, vi si permette di vedere il grazioso Parassita che vi ha fatto sbadigliare con indecenza e detestare l'odore dell'arrosto per mesi. Questa sará l'unica ecografia concessa, a meno che non abbiate optato in precedenza per una qualche diagnosi prenatale. In seguito, per vedere se la vostra panza crescerá come deve, basterá la vostra barnmorska di fiducia munita di metro e di un apparecchietto che fa sentire il battito.
Durante l'ecografia si puó fornire una risposta all'Interrogativo basilare del Parentado: il sesso. Fino a poco tempo fa, il personale ostetrico dell'Ultima Thule era diffidato dal raccontarlo ai futuri genitori. A quanto pare ci son stati di quelli che han denunciato l'ecografista di turno per aver sbagliato, e quindi di averli costretti a ritappezzare la cameretta. In altri casi (e questo é un problema serio), si temono le scelte di quelle culture in cui una figlia femmina non é benvenuta.
Col Mezzovikingo e il Mezzitalico il personale ci ha scrutati, ha stabilito che non eravamo gente problematica, ed ha elegantemente risolto il dilemma etico mostrandoci la zona interessata e chiedendoci:' secondo voi che cos'é?'. (dopodiché abbiamo tenuto la notizia per noi e infastidito parenti e conoscenti glissando alla domanda fatidica)

Se siete Una Coppia Primipara, il Secondo Trimestre é l'occasione per voi di imparare cosa vi aspetta al momento del Parto, e che dovreste fare. Il Consultorio usa organizzare corsi preparto per i futuri genitori, nel quale imparerete cose spaziali tipo la psicoprofilassi (abbondantemente dimenticata quando vi servirá), il decorso del parto (le osteriche sfoggiano un grazioso modellino di vagina multicolore fatto ad uncinetto, piú un Cicciobello), i metodi antidolorifici (dettagli in un prossimo post, Mezzitalico permettendo) e roba sul tema. I futuri padri vengono istruiti a guidare serenamente le atrocitá della partoriente. Partecipano: coppie con piú o meno la stessa data parto.
Lo scopo é pure quello nobile di far fare conoscenza tra i/le partecipanti, che vivono in genere nella stessa zona e quindi potrebbero ritrovarsi a far fika insieme (a Stoccolma questo fenomeno chic é chiamato le lattemammor, dove con latte s'intende il caffelatte delle mammor, non quello della tetta).
Siccome la Famiglia Mezzovikinga é composta di gente orsa e arcigna, dico subito che non siamo riusciti a stringere neanche una mezza conoscenza con gli altri.
Se non siete una Coppia Primipara, vi arrangiate con quello che vi ricordate dell'occasione precedente.

Arriva il Terzo Trimestre. A questo punto avete le vostre routines, e l'aumento dei chili e dell'Allopregnanolone in corpo vi rende cosí abuliche da desiderare solo il divano. Per tenervi in forma, la Barnmorska di fiducia vi chiama ai controlli sempre piú spesso, in ultima anche ogni settimana. Vi peserá, vi controllerá il ferro e il glucosio, vi prescriverá orribili pillole del rugginesco elemento, vi misurerá col metro e vi palperá l'addome dicendo dove sono i piedi e la testa del dolce Alien che balla il tango sui vostri visceri.
Durante una di queste visite avrá provveduto ad intervistarvi nuovamente: per confessare se vi siete ubriacate e in che misura durante la gravidanza, nonché, dopo aver allontanato il futuro padre, per sapere se quest'ultimo vi maltratta, vi violenta e usa comportamenti malsani verso di voi. Chi ha prescritto queste interviste rituali, avrebbe dovuto anche includere domande sull'astinenza da prosciutto crudo e salmone affumicato, che sono ben piú gravose di quella da alcolici.

Infine, arriva il momento in cui la Bomba sta scoppiando. Il trattamento dell'Ordigno deflagrante é un po' diverso da quello che si dice ricevere nel Belpaese. Ma di questo ne parleró un'altra volta, Prole, Coliche e Virus permettendo.




13 comments:

Nora said...

Molto interessante davvero... i confronti sono quasi inevitabili e, per una volta, non rimpiango di non essere in Svezia. Beh no, non ho nulla da ridire, a parte l'assenza di controlli nel primo trimestre!!!

Un abbraccio a te e al Mezzitalico!

Giulia said...

"le osteriche sfoggiano un grazioso modellino di vagina multicolore fatto ad uncinetto, piú un Cicciobello"

Questa mi mancava!
Sono stata primipara in terra italica e là l'ostetrica si è ben guardata dal mostrare quanto stretto sia il pertugio da cui deve uscire il cocomero, nonché le varie piroette che gli tocca fare per riuscirci. Non si sa mai che qualcuna s'impressioni (giuro, alla domanda diretta, l'ostetrica ha glissato). In compenso, tanti bei discorsi su quanto sia giusto e bello e utile partorire con dolore e quanto sia facile e naturale allattare (che per me non è stato manco un po').
Mi dispiace per il virus malvagio. Anche qui abbiamo avuto un periodaccio e abbiamo scomodato il servizio sanitario più volte. Un bacio al ciccione!

Eilan82 said...

Bello questo post, davvero interessante! :D
Ma fammi capire una cosa: una donnina italica, abituata nel suo paese a qualcosa come minimo 5 ecografie in 8 mesi (XD), ma come fa in Svezia?! O_O'
Cioè, oltre a quell'unica eco di routine prevista, in caso ha la possibilità di farne altre magari a pagamento? O_o'

Kata said...

Cara Morgaine, grazie delle info, in futuro potrebbero essere utili. :)

Una curiosità: si incontra sempre la stessa barnmorska durante la gravidanza o chi ti capita? E al parto? E' presente la "tua" barnmorska o il medico di turno?

Anonymous said...

Ciao, bel post come sempre.
A commento di quanto scrivi, trovo poco sensato non testare l'immunità per toxoplasmosi e CMV. Anche un'ecografia più precoce potrebbe essere utile per escludere una gravidanza extrauterina, che a volte si manifesta dopo pochissimo, altre ci mette un pochino.
Alice

Balto - Simo said...

Ciao Morgaine, bellissimo post. Qui devo dire che sei molto controllato (a partire dall'ottava settimana circa)... Corsi preparto vivamente consigliati alle primipare (dove mostrano con lezione singola i vari sistemi a ventosa, a forcipe,....). Virus anche qui e ha colpito la mia primogenita.... al momento stiamo vivendo un periodo di "mezza estate" con temperature oltre le medie (ieri eravamo sui +24°)... Sicuramente arriverà la pioggia che poi durerà parecchio...Intanto godiamoci questo periodo. Auguroni per tutto e un abbraccio dalla svizzera! Simo - Balto

Anonymous said...

L'ecografia del primo trimestre si fa in alcune regioni e in altre no. Sono d'accordo con Alice, potrebbero sprecarsi un po' di più. In genere l'assistenza nel primo trimestre è molto risicata, l'avevo già raccontato l'anno scorso da silvia, ma per esempio per una minaccia d'aborto in epoca precoce non fanno visita né eco. Io non sono ginecologa ma internista e ho visto che ci sono linee guida a supporto di questa condotta, ma resto perplessa lo stesso. Invece dal secondo trimestre si viene seguite spesso, sempre dalla stessa ostetrica (per il parto però c'è quella di turno). Io posso dire che mi sono trovata bene sia con la prima gravidanza, seguita in consultorio pubblico in Italia, sia qua con la seconda, ma per il parto meglio qua a livello di comfort e attenzione ai bisogni di mamma e bambino.
Attendo con ansia il seguito del post!

Giulia sloggata in viaggio

Dulcamara said...

Vedo che stai bene, visto che hai aggiornato il blog e che la tua assenza è giustificatissima. Ma la prossima volta mandami uno straccio di mail di due righe, stavo già per chiamare tuo padre e prenotare un biglietto per l'ultima thule, sai come mi faccio facilmente prendere dai mali pensieri... Uff, che sollievo, beh, bel post come al solito. Un abbraccio.

Anonymous said...

Cara Morgaine,
dai che te la cavi benissimo.
Per ora io devo dire che mi sta bene come sono seguita in Svezia. Cioé poco, quel che basta secondo loro. E io mi guardo la panza crescere stoicamente e non mi preoccupo. Da gente incinta e mamma in italia ho ricevuto un sacco di domande e di preoccupazioni, perché pare ci siano molti piú controlli e pericoli e analisi... a me primipara questo minimalismo sanitario sta bene. Ho un sacco di domande peró sul dopo. Domande splatter e cruente - cose di cui non parla nessuno, cose che riguardano una parte del mio corpo che fino a che sei lí che spingi te la descrivono per filo e per segno, ma una volta che l'essere é uscito? cioé, ho capito che sono mamma e tutto ruota attorno all'essere, ma ...cosa mi devo aspettare per la prima settimana, laggiú? Vabe'.

Intanto buon proseguimento Morgaine, e saluti dalla mia panza.

bixx

Morgaine le Fée said...

Prima di tutto: Complimentoni Bixx! spero proprio che tutto proceda per il meglio, e che dopo tu/voi riusciate a dormire piú che potete. Su cosa aspettarsi pubblicamente dallo Stato svedese ne parleró in seguito, ma sei vuoi info piú private, che nel blog non metto, scrivimi pure.

Per il resto delle domande: Giulia ha giá risposto benissimo (un bacione a voi, e crepino i virus). Inutile dire che concordo con Alice, Nora e Giulia sul fatto che nel primo trimestre potrebbero darti un'occhiata in piú. @Giulia: ma se una ha minaccia d'aborto al primo trimestre e vuole vedere un medico potrebbe sempre andare al pronto soccorso e farsi vedere da un medico lí. O no?
('utile' a chi partorire con dolore?? vabbé, qua ce ne sarebbe da dire...)
@Eilan: si, esistono cliniche private dove a pagamento puoi fare altre eco. Noi abbiamo comunque optato per la diagnosi prenatale quindi abbiamo avuto due eco in piú per le datazioni.
@Kata :). Arriveró anche con le info tecniche del förlössning. Comunque se il parto é senza complicazioni non incontri un medico, eccetto il medico anestesista se fai l'epidurale (come ho fatto io).
@balto: bacioni e crepino i virus anche per voi! Insomma, la Svizzera fa come l'Italia, da quel che ho capito.

Mel Katt said...

Bentornata! mi mancava tanto leggere i tuoi post!grazie per tutte le utili informazioni, anche molto dettagliate.devo dire che tutto cio' che ruota intorno alla gravidanza e' molto meglio in Italia, qui sembra che non perdano tempo e soldi per fare controlli e visite, che secondo me andrebbero fatti obbligatoriamente.mah.ogni paese ha le sue pecche.
un saluto e un bacione

Meli

Giulia said...

Con molto ritardo provo a rispondere a Bixx

Se sei tra le fortunate che non hanno bisogno di punti, conta comunque qualche giorno di gonfiore da quelle parti e un po' di dolore a sedersi. L'orifizio resta come "aperto" per un po' di giorni e tutta la mucosa può essere irritata e bruciare. Acqua tiepida e niente sapone!
Se ci sono lacerazioni o se durante il parto c'è bisogno di fare l'episiotomia, la cosa è più lunga. I primi giorni i punti "tirano" e fanno male, soprattutto a sedersi. Molto utile una ciambella su cui sedersi, anche perché seduta con la schiena dritta è la posizione che viene consigliata per allattare all'inizio, quindi meglio mettersi comode!
Con i punti, la conformazione di tutta quella zona è alterata e a toccare/guardare fa un effetto orripilante. Calma e sangue freddo, torna normale, anche se alcune sfigate come la sottoscritta ci mettono dei mesi.
A volte può far male quando si cerca di avere rapporti anche qualche tempo dopo che il tessuto è guarito, finché la cicatrice non è "maturata" e il tutto ha riguadagnato elasticità. All'inizio sembra una catastrofe, ma giuro che il potenziale erotico ritorna, anche meglio di prima :D!
Gli sfinteri possono funzionare male dopo il parto, in questo caso bisogna dirlo all'ostetrica; Per qualche giorno è ancora normale perché la muscolatura è come "stirata", ma dopo no.
Importantissimo fare da subito gli esercizi per la muscolatura del pavimento pelvico, con i quali ti avranno sicuramente già fatto una testa così (knipövningar).

Scrivimi pure se c'è altro. Auguroni a te e alla panza :-)

@ Morgaine: noi prontosoccorsisti di solito non trattiamo i problemi ginecologici perché non abbiamo le competenze specifiche come l'ecografia. Per questo il personale dell'accettazione del PS la manderebbe in ginecologia e siamo al punto di prima. Comunque dipende dal posto, dal buon senso del personale e soprattutto dai sintomi che ha quella persona specifica.

Giulia said...

Con molto ritardo provo a rispondere a Bixx

Se sei tra le fortunate che non hanno bisogno di punti, conta comunque qualche giorno di gonfiore da quelle parti e un po' di dolore a sedersi. L'orifizio resta come "aperto" per un po' di giorni e tutta la mucosa può essere irritata e bruciare. Acqua tiepida e niente sapone!
Se ci sono lacerazioni o se durante il parto c'è bisogno di fare l'episiotomia, la cosa è più lunga. I primi giorni i punti "tirano" e fanno male, soprattutto a sedersi. Molto utile una ciambella su cui sedersi, anche perché seduta con la schiena dritta è la posizione che viene consigliata per allattare all'inizio, quindi meglio mettersi comode!
Con i punti, la conformazione di tutta quella zona è alterata e a toccare/guardare fa un effetto orripilante. Calma e sangue freddo, torna normale, anche se alcune sfigate come la sottoscritta ci mettono dei mesi.
A volte può far male quando si cerca di avere rapporti anche qualche tempo dopo che il tessuto è guarito, finché la cicatrice non è "maturata" e il tutto ha riguadagnato elasticità. All'inizio sembra una catastrofe, ma giuro che il potenziale erotico ritorna, anche meglio di prima :D!
Gli sfinteri possono funzionare male dopo il parto, in questo caso bisogna dirlo all'ostetrica; Per qualche giorno è ancora normale perché la muscolatura è come "stirata", ma dopo no.
Importantissimo fare da subito gli esercizi per la muscolatura del pavimento pelvico, con i quali ti avranno sicuramente già fatto una testa così (knipövningar).

Scrivimi pure se c'è altro. Auguroni a te e alla panza :-)

@ Morgaine: noi prontosoccorsisti di solito non trattiamo i problemi ginecologici perché non abbiamo le competenze specifiche come l'ecografia. Per questo il personale dell'accettazione del PS la manderebbe in ginecologia e siamo al punto di prima. Comunque dipende dal posto, dal buon senso del personale e soprattutto dai sintomi che ha quella persona specifica.

 
63°49'LatitudineNord © 2008. Template by BloggerBuster.